Pazzo per il mare grazie al progetto Crocierepiù in tour (> vedi qui il nostro articolo), è salito a bordo della Regina del MediterraneoCosta Diadema. Prima di andarvi a raccontare la nostra ship visit, rinfreschiamoci un po’ le idee con alcune informazioni sulla nave.

Costa Diadema, nave ammiraglia della flotta Costa Crociere, è stata costruita presso lo stabilimento Fincantieri di Marghera, e dopo circa due anni dalla posa della prima lamiera, è stata battezzata a Genova il 7 Novembre 2014. Lunga 306 metri e larga 37 metri, ha una stazza lorda pari a 132.500 tonnellate, così da poter raggiungere una velocità massima di circa 22 nodi.

La dotazione della nave include:

  • 1.862 cabine totali, per una capienza massima di 4.947 ospiti
  • 6.200 mq destinata alla Spa, suddivisa su quattro livelli
  • 8 vasche idromassaggio
  • 3 piscine, di cui una con copertura in cristallo semovente
  • terrazza sul mare al ponte 5, con oltre 500 metri di lunghezza in cui si affacciano vari bar e ristoranti
  • 7 ristoranti, tra cui la Pizzeria, la Tavola Teppanyaki, il Ristorante Club e il Ristorante Samsara
  • 11 bar, tra cui la Birreria Dresden Green, la Vinoteca Gran Duca di Toscana e la Gelateria Amarillo
  • un campo polisportivo e un percorso jogging esterno di 200 metri
  • casinò e discoteca
  • teatro su tre piani
  • internet point, biblioteca e shopping center
  • Star laser, cinema 4D, mondovirtuale e simulatore di Gran premio
  • Squok Club e piscina mini, con galeone e castello dei pirati.

Torniamo alla nostra visita! Appuntamento per le 09:30, con il ritrovo di tutti i partecipanti al varco della stazione marittima. Veniamo accolti da Maurizio Caddia, Sales and Marketing Costa, che ci da le indicazioni per superare i primi controlli e arrivare sottobordo, dove ci sarà lui ad aspettarci, per poi guidarci alla scoperta della nave fino all’ora di sbarco.

Dopo qualche attesa tecnicaIMG-20160708-WA0040.jpg sotto il caldo sole di Cagliari, arriva il bus, che dopo un primo controllo dei documenti ci porta al punto d’imbarco. Qui, dopo un secondo controllo dei documenti e dopo la compilazione di un breve questionario sulla salute, verranno distribuiti i pass. Ricordiamo, che i controlli di sicurezza, seppur portano via un po’ del tempo a disposizione, sono un passaggio molto importante per la sicurezza di bordo.

Eccoci finalmente a bordo! Dopo aver superato l’ultimo controllo, saliamo al ponte 3 – Centenary, per iniziare il nostro tour dalla parte più spettacolare della nave, l’Atrio Eliodoro, che si presenta ai nostri occhi molto luminoso e accogliente, dove le varie tonalità di blu si ruotano nelle tante semisfere che ricoprono tutta la parete verticale. Qui si trova il bar centrale, che prende il nome dello stesso atrio, e il Customer Service, più noto come reception. Dopo una spiegazione generale e tecnica della nave, proseguiamo salendo al ponte 4 – Perla di Venere, dove si trova una nuova area completamente dedicata alle escursioni, mentre sul lato opposto si trova l’area foto.

Lasciato l’atrio, ci dirigiamo verso il gran bar Orlov, che a differenza di tutti gli altri gran bar delle navi Costa, si presenta strutturato su due piani, arredato con uno stile semplice, e un tocco d’eleganza. Al piano superiore, si trova il Bar Bollicine, la Cigar Lounge, il ristorante Club Diadema e la tavola Teppanyaki.

Proseguendo il nostro tour, Maurizio, ci porta alla scoperta del Country Rock Club, un bar in stile completamente rock, con una pavimentazione decorata con dischi, le pareti rivestite di pietra e disegni a led. Nel lato opposto, scopriamo la gelateria Amarillo: gelato artigianale prodotto a bordo,  crepe’s e piccoli dolci. Quello che mi affascina di più è il soffitto fatto con tante palline colorate e la fontana di cioccolato completamente in vetro. Ora si va verso la birreria Dresden Green, strutturata su due piani e completamente rivestita in legno, da qui usciremo nella terrazza, dove con una breve passeggiata arriveremo a poppa della nave, dove si trova la sala all’aperto del bar Teodora, uno splendido luogo che si affaccia sul mare.

Si sale al ponte 10 – Hortensia, ma prima, si passa a dare uno sguardo veloce al casinò Golden Jubilee, e al piano bar Principe Nero, un locale a mio parere molto particolare. Si “gioca” su gli ascensori panoramici, e si raggiunge il ponte 10, dove troveremo il meraviglioso Lido Diana. L’ora di pranzo si avvicina, quindi si accelera il passo, si va ad ammirare il Lido Stella del Sud, posto a poppa della nave, la discoteca Pietra di Luna sul lato di sinistra e due piani più (ponte 14 – millenium star) giriamo tra la nave e il castello dei pirati, ritornando un po’ bambini per qualche minuto.

Sono le 12:30 e Maurizio ci invita ad andare al Ristorante Fiorentino, dove ci verrà servito il pranzo, con menù dedicato alle specialità sarde. L’antipasto è davvero squisito, ma quello che mi colpisce di più è il dessert, una crema al mirto dal sapore unico.

Dopo questo ottimo pranzo, ci viene offerto un caffè Illy al Gran Bar, e ci viene spiegato qualche retroscena a proposito della scelta della marca di caffè. Da anni Costa sperava di avere Illy a bordo delle sulle sue navi, ma quest’ultima non ha mai voluto vendere il suo caffè poichè temeva che a bordo non potesse rispettare i sapori che evidenziano rigidamente il nome Illy; così, dopo una lunga trattativa, si è arrivati alla creazione di una miscela adatta alla produzione di bordo, così da poter ottenere un caffè con gli standard Illy. Inoltre tutti i barman hanno dovuto seguire un corso di formazione di circa una settimana alla scuola Illy.

Ora Maurizio ci porta nella sala Desirèe, dove ci mostra dettagliatamente il nuovo slogan della “Felicità al quadrato” e poi ci mostra una serie di itinerari per il prossimo anno.

La visita è agli scoggioli, sono le 15:30, e ci dirigiamo molto tristi verso l’uscita, dove salutiamo Maurizio e riconsegnamo i pass.

A conclusione, possiamo affermare che Costa Diadema, è strutturata in un modo completamente diverso da tutte le precedenti; anche se piccoli, all’interno della nave si trovano tanti ambienti così da accontentare tutti i gusti. Non siamo riusciti a visitare tutti gli spazi, come ad esempio il buffet Corna Blu, la Spa – per motivi di privacy-  e le cabine, poiché la nave si trovava a pieno carico.

Noi di Pazzo per il Mare siamo molto contenti di aver potuto partecipare a questa visita a bordo di Costa Diadema, ma soprattutto siamo ancor più contenti di avervi fatto viaggiare virtualmente con noi per qualche minuto… Ora non vi resta che prenotare e partire subito!