Con il diffondersi della pandemia da coronavirus, la quasi totalità degli Stati del mondo hanno adottato una chiusura “lockdown” di ogni attività, inclusi ovviamente i trasporti. Allo stato attuale è molto difficile organizzare il rimpatrio di parte degli equipaggi che hanno terminato di lavorare a bordo delle navi da crociera ferme in ogni angolo del mondo.

Alcune compagnie stanno attivando e programmando dei speciali viaggi con alcune navi da crociera, cercando di trasbordare a bordo di alcune navi, parte degli equipaggi per rimpatriarli nei loro Stati senza tralasciare la sicurezza sanitaria di ognuno.

Costa Crociere ha affidato alla sua unità Costa Mediterranea il compito di rimpatriare parte del proprio equipaggio di nazionalità Filippina ed Indonesiana.

Ricordiamo che la nave le scorse settimane, dopo un lungo tiramolla con le autorità italiane è riuscita ad approdare a Napoli, dove parte dell’equipaggio di nazionalità italiana ha finalmente fatto rientro alle proprie case.

Missione speciale

A Costa Mediterranea il compito di andare a recuperare nei prossimi giorni, presso i vari porti nazionali parte degli equipaggi da rimpatriare in attesa a bordo di altre navi della flotta ferme.

Dopo l’imbarco del crew, Costa Mediterranea partirà per questa speciale missione di rientro equipaggi con prua verso oriente, arrivo previsto a destinazione entro metà maggio.

Quella di Costa Mediterranea in Italia potrebbe essere l’ultima apparizione, anche se ad oggi è impossibile fare qualsiasi previsione, come molti fan del brand italiano ricordano, assieme alla gemella Costa Atlantica, è stata recentemente trasferita alla joint venture tra Carnival Corporation e China State Shipbuilding.

Prima della diffusione della pandemia coronavirus, Costa Mediterranea avrebbe dovuto lasciare la flotta nel 2021.