Dopo una traversata atlantica Carnival Victory, nave di Carnival Cruise Line ha raggiunto Cadice (Spagna), dove sono in programma importanti lavori di restyling in bacino di carenaggio del valore di oltre 200 milioni di dollari.

In un primo momento, l’autorità portuale di Cadice aveva deciso di autorizzare il traghetto greco “El Venizelos” e quello tuinisino “Tanit” ad attraccare vicino al cantiere navale Navantia in Cadice. I traghetti avrebbero dovuto essere impiegati come hotel per gli oltre 3000 operai provenienti da mezza Europa e non solo, impiegati a lavorare alla trasformazione di Carnival Victory.

Purtroppo l’emergenza legata alla diffusione del pericoloso coronavirus ha portato alla chiusura di tutti i porti spagnoli ed all’interruzione di tutte quelle attività non necessarie.

Il cantiere Navantia ha deciso di interrompere tutta la sua attività nei centri di lavoro nella baia di Cadice, per cui i grandi traghetti “El Venizelos” e “Tanit” hanno  mollato gli ormeggi e fatto ritorno alle proprie basi, annullando il contratto di noleggio. A seguito della diffusione del pericoloso coronavirus (Covid-19),  dichiarato pandemia globale da parte dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e decretato lo stato di allarme dal Governo spagnolo che limita la libertà di movimento, il cantiere Navantia ha deciso di adottare quelle misure eccezionali ed ha limitato le attività non necessarie per garantire la salute dei lavoratori.  Per questo motivo, la presenza sul posto di lavoro sarà limitata ai soli lavoratori associati ad attività considerate essenziali, tutti gli altri potranno proseguire la propria attività utilizzando mezzi di connessione per riunioni di coordinamento ed altro.

In un momento storico in cui tutte le navi da crociera si sono fermate a livello globale per alcuni mesi, il ritardo di questi ingenti lavori a bordo di Carnival Victory non dovrebbe incidere più di tanto. Al momento la partenza della nuova Carnival Radiance prevista da Barcellona (Spagna) il prossimo 29 aprile 2020 per alcune crociere europee prima di dirigersi a New York (Usa) dove è attesa il prossimo 25 giugno resta in forte dubbio.