Ottobre sancisce la fine della bella stagione estiva e per le navi da crociera arriva il momento di rifarsi il look.

  • STAR BREEZE 

Con Star Breeze, Windstar avvia il suo programma di allungamento firmato Fincantieri e ribattezzato Star Plus. La nave, che termina la sua stagione in Nord Europa, diventerà la prima di tre navi della classe Star di Windstar (Star Breeze, Star Legend e Star Pride) a essere tagliata a metà.

La nave verrà allungata con una nuova sezione centrale e verranno aggiunte 50 nuove cabine. La fase di assemblaggio sarà affidata allo stabilimento di Palermo, un cantiere ormai specializzato in questo genere di attività.

La compania riprogetterà anche la nave, rendendola più efficiente in termini di consumo di carburante e aumentando la velocità di servizio.

Star Breeze trascorrerà il periodo invernale nella calda terra sicula e vi resterà per cinque mesi dopodiché rientrerà in servizio più slanciata di circa 25 metri, con la possibilità di ospitare 100 passeggeri in più, due nuovi ristoranti, nuovi servizi igienici, un ponte piscina ed una SPA rivisitati. Costo dell’intera opera Star Plus 250 milioni di dollari…ACCIPICCHIAAAAAA !!!! 

2. OASIS OF THE SEAS 

Ebbene si, per il suo buon compleanno e precisamente il suo decimo compleanno, Oasis of the seas torna in cantiere per un trattamento anti-age. La mastodontica nave è entrata nei cantieri di Cadice alla fine di settembre dopo la stagione nel Mediterraneo Occidentale per un rinnovamento da 165 milioni di dollari e resterà nella città andalusa per i prossimi due mesi.

Oltre ai vari aggiornamenti e cambi di moquette, la nave riceverà un nuovissimo scivolo d’acqua Ultimate Abyss su 10 ponti alla pari delle sue gemelle Harmony of the seas e Symphony of the seas. Verranno aggiunte anche alcuni saloni caratteristici della classe Quantum come il Bionic Bar e Music Hall.

Un’altra novità è il barbecue Portside e il locale dedicato al karaoke, lo Spotlight Karaoke. L’Oasis of the seas terminati gli aggiornamenti salperà il 24 novembre 2019, iniziando itinerari di sette notti nei Caraibi orientali e occidentali dal Terminal A di Royal Caribbean a Miami. 

  • BRITANNIA 

Avete capito bene, il Britannia della P&O vuol restare al passo coi tempi. Beh, è comprensibile, d’altronde con i tempi che corrono diventare obsolete è un battito di ciglia.

Ebbene la nave più recente della flotta P&O Cruises UK è prevista per un rinnovo di 20 giorni a ottobre, con la manutenzione tecnica programmata e l’installazione di una nuova galleria d’arte a bordo.

Oltre ciò l’atrio sarà completamente rinnovato, con nuovi decori, nuovi arredamenti e una combinazione di colori aggiornata. Rivisitazioni riguarderanno inoltre la SPA il Java Café, i negozi e la galleria fotografica. 

  • VOYAGER OF THE SEAS 

In ultimo ma non meno importante vi segnaliamo la Voyager of the seas , classe 1999 la prima GRANDE nave di Royal Carribbean; la nave che al momento del suo debutto vantava alcuni primati mondiali.

In primis la stazza, nel 1999 con le sue 137.276 tonnellate di stazza lorda è stata la nave da crociera più grande del mondo, poi seguono nell’ordine altre caratteristiche uniche quali: prima nave a possedere una Royal Promenade e prima nave al mondo a disporre di una pista di pattinaggio su ghiaccio e di una parete di arrampicata.

Ebbene da quel 1999 sono passati 20 lunghissimi anni e dopo alcuni aggiornamenti minori la Voyager è pronta per una revisione un po’ più marcata; non vuol certo restare indietro rispetto alle sue sorelle più giovani !!!

E quindi dal mese di Settembre la nave da crociera è entrata nei cantieri di Singapore per aderire al programma Royal Amplified che vedrà un investimento di oltre $ 1 miliardo su 10 navi in soli quattro anni.

Oltre al lavoro tecnico, la nave avrà un nuovo ponte piscina, nuovi bar e altri punti di ristoro, nonché un paio di scivoli d’acqua. Gli ospiti potranno così imbarcarsi di nuovo alla fine del mese in quanto la nave avrà anche 72 nuove cabine, una nuova arena per le etichette laser e una spa rinnovata.

Leggi anche