Il 2018 è l’anno in cui la compagnia corsa festeggia i suoi primi 50 anni di attività, per il futuro è lecito supporre che ci saranno nuove navi ecologiche e nuove rotte. Dal lontano 1968 la compagnia è cresciuta tantissimo, sono arrivati i collegamenti con Italia, Francia e dal 2018 Spagna (Maiorca) ed allo stesso tempo le navi gialle, così come vengono soprannominate dagli appassionati, sono cresciute nelle forme e nel comfort offerto a tutti i passeggeri a bordo.

Non è un segreto che dopo l’ingresso in flotta del traghetto Pascal Lota, il più bel traghetto del mar Mediterraneo per il sottoscritto, la compagnia sia alla ricerca di un cantiere cui affidare la realizzazione di nuovi ed ecologici traghetti. A tal proposito, in questi giorni la compagnia ha affidato alla ditta italiana NAOS,  un preliminare studio di progettazione per i nuovi traghetti che intende costruire.  Il nuovo progetto, deve presentare un consumo di carburante estremamente basso, prestazioni di tenuta del mare eccellenti, essere ecologico oltre ad altre caratteristiche di risparmio energetico e rientrare nei limiti di grandezza previsti per il porto di Bastia (Francia), ovvero una lunghezza massima di 200 metri. In rete,  sul sito dell’azienda di progettazione è spuntato un primo rendering di quella che potrebbe essere la nave gialla del futuro. Forma della prua secondo le ultime tendenze, tanto giallo e l’immancabile testa di moro sul fumaiolo. In attesa di altri dati e info, non ci resta che ammirare questo rendering.

Non va esclusa anche la possibilità di reperire sul mercato di seconda mano, un traghetto con caratteristiche simili all’ammiraglia Pascal Lota, come ad esempio il traghetto Finlandia di Eckero Line. 

Sempre in questi giorni, Radio Banchina ipotizza per il 2019 una nuova rotta internazionale che andrà ad aggiungersi a quelle disponibili, , la compagnia delle #Navigialle starebbe progettando un collegamento settimanale tra Tolone (Francia) ed il porto di Trapani (Italia). La traversata dovrebbe avere una durata stimata di circa 19 ore, con possibilità di uno scalo intermedio in Corsica o Sardegna ed una cadenza settimanale. Il recente ingresso nella flotta Corsica Sardinia Ferries del modernissimo ed affascinante traghetto ammiraglia Pascal Lota, rende disponibile qualche moderna unità da impiegare in nuove rotte.

In attesa di conferme o smentite, concludiamo con una citazione di Alan Kay: Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo.