Record! Sempre più crociere nel 2018, secondo stime si raggiungerà il numero record di 27.2 milioni di passeggeri, in aumento rispetto ai 25.8 milioni del 2017 ed i 24.7 milioni del 2014. I dati sono stati svelati dal report di Clia, associazione mondiale dell’industria crocieristica, che analizza e studia l’andamento del mercato crocieristico mondiale.

Tra il 2011 ed il 2016 i crocieristi sono aumentati del 20% circa, un dato che si confermerà anche nel prossimo futuro, grazie all’ingresso sul mercato di tantissime nuove navi da crociera di varia tipologia, oceaniche, fluviali e dedicate all’esplorazione.

Quali sono le prossime tendenze dell’industria crocieristica? 

Crociere per tutti-Le crociere sono ormai una tipologia di vacanza accessibile da un ampia platea di consumatori, grazie alle numerose offerte presenti diventa molto economico e semplice prenotare per partire a bordo di una nave.

Crociere dedicate– Sono numerose ed in continua evoluzione le offerte dedicate alle crociere a tema, sia esse delle avventure estreme, viaggi culturali, itinerari enogastronomici, visite in piccoli villaggi e perfino nelle case private. Dalle nuotate con gli squali in Sudafrica alla corsa in Harley Davidson per le strade dell’Alaska o al tentativo di camuffarsi tra i pinguini dell’Antartide. Il mercato propone svariate proposte, alcune davvero insolite o bizzarre.

Crociere al freddo-Nel 2018 sono in aumento le preferenze per le destinazioni “fredde” come il Baltico, il Canada, l’Alaska e l’Antartide.

Crociere piacciono ai giovani– Sono sempre più numerosi i giovani che si avvicinano al mondo delle crociere, si inizia con delle mini crociere di breve durata per poi provare vacanze più lunghe e specifiche.

Crociere nel rispetto dell’ambiente– Aumenta l’attenzione da parte delle compagnie del settore verso un turismo sostenibile, con  possibilità per i crocieristi di partecipare ad attività di tutela dell’ambiente sia a terra che a bordo.

Infine un ultimo sguardo sul giro d’affari del settore, sull’impatto economico mondiale che l’industria crocieristica implica. Nello scorso anno il comparto ha realizzato un indotto economico a livello mondiale di 126 miliardi di dollari, generando l’equivalente di 1 milione di posti di lavoro a tempo pieno e retribuzioni complessive pari a 41 miliardi di dollari. Aumentano le navi, aumentano i passeggeri, aumentano i posti di lavoro il mondo delle crociere si conferma un vero è proprio eldorado per tutti.