Lo scorso giovedì, la compagnia tedesca TUI Cruises ha accolto l’ultima nave, Mein Schiff 6 nella sua flotta con una colorata cerimonia serale svoltasi nelle acque del porto tedesco di Amburgo.

TUI Cruises è un marchio del grande operatore turistico tedesco TUI, si rivolge ad un pubblico teutonico che predilige un esperienza in nave di tipo premium. Nato qualche anno fa grazie ad una collaborazione con il gruppo Royal Caribbean . Mein Schiff 6 è la quarta ripetuta di una in una serie di navi che Meyer Turku ha costruito per TUI Cruises. 

L’ultimo arrivo della flotta TUI è una nave lunga ben 295 metri e larga 36 metri, dispone di  1.267 cabine per i suoi ospiti. Di queste, secondo l’attuale trend per le nuove costruzioni, il 90 per cento sono cabine esterne e l’ 82 per cento di queste ha un balcone privato. Madrina della nave è stata l’affascinante organista lettone Iveta Apkalna, un apprezzata musicista che ha vinto numerosi premi in giro per il mondo.

L’originale battesimo nelle acque del fiume Elba ha visto la Mein Schiff 6 lasciare il terminal crociere intorno alle 21 ed iniziare a navigare lentamente per posizionarsi di fronte la Elbphilharmonie (sala concerti), dove poi è stata suonata una sinfonia speciale realizzata per il battesimo della nave. La cerimonia di battesimo, oltre ad una colonna sonora speciale, ha visto anche uno spettacolare gioco di luci con al centro la nave.

Ha commentato Wybcke Meier, CEO di TUI Cruises : “L’Elbphilharmonie offre esperienze straordinarie, noi di TUI Cruises ci sforziamo di fare lo stesso. Per noi è stato importante progettare un evento che rifletta questi valori condivisi.”

Dal punto di vista tecnico Mein Schiff 6, assieme alle navi della stessa classe, è stata costruita utilizzando le più recenti tecnologie in materia di rispetto dell’ambiente, consuma circa il 30% in meno di energia rispetto a navi da crociera di dimensioni simili. La nave è stata dotata di un sistema di pulizia dei gas di scarico, spicca un impianto di lavaggio e catalizzatore degli stessi per ridurre le emissioni di zolfo di circa il 99% e le emissioni di ossidi di azoto di circa il 75%. Il consumo di energia è inferiore a un ulteriore 4% rispetto alla nave gemella Mein Schiff 3.