Quando il famoso transatlantico colpì il famigerato iceberg quasi 100 anni fa, il 15 aprile 1912, il Titanic non si limitò a inviare centinaia dei suoi passeggeri sul fondo del mare, ma andarono perdute anche tutte le foto, le prove di come era la vita a bordo e di come era realmente la nave.

Ma qualcosa è rimasto, se non fosse per Francis Browne.

Browne era un prete irlandese, gesuita che ha navigato con il Titanic solo nella prima tappa del suo viaggio, da Southampton, in Inghilterra, a Queenstown in Irlanda. 
Se fosse per lui, sarebbe rimasto a bordo per il resto del viaggio, ma quando Browne raggiunse Cobh, tuttavia, ricevette una nota dal suo superiore clericale, ordinandogli di tornare al suo posto subito, piuttosto che restare sul Titanic e quindi sbarcò.
Ma chi è Francis Browne? era un prete gesuita, appassionato di fotografia, che una volta sbarcato , si portò con sé le foto scattate a bordo del Titanic.
Le sue fotografie andarono perdute dopo la sua morte nel 1960 e riscoperte 25 anni dopo da un prete, Eddie O’Donnell.

Tra gli oltre 40mila negativi, più di 1.000 immagini immortalavo il  Titanic e così O’Donnell pubblicò un libro dal titolo “Album Titanic Padre Browne” , che da poco è stato ripubblicato in onore del centenario del naufragio.
©TIME
Il ponte passeggiata del Titanic
Sala di lettura
Sala da pranzo, prima classe
Palestra
Un bambino gioca su uno dei posti esterni
Il Titanic a Queenstown
Il Titanic lascia Queenstown